NEWS:
NEWS
01 giugno 2018

La gioia del dono come condivisione: intervista a Mariapaola Corno

Mariapaola è una sorridente dottoressa che da qualche anno sostiene con passione ed affetto la FARO, abbiamo deciso di raccontare sulle pagine del nostro sito la sua storia di donatrice per ringraziarla pubblicamente per il suo prezioso supporto.

L’abbiamo incontrata l’ultima volta al concerto che ha organizzato nella deliziosa location della Chiesa Parrocchiale di Poirino, ma le occasioni in cui ha deciso di raccogliere tutta la sua comunità per sostenere la FARO sono state moltissime e tutte legate alla musica (di ogni genere: dalla classica a De Andrè).

Mi piace la musica e mi piace coinvolgere le persone non solo per una donazione, ma per fare qualcosa in più. Credo che sia importante far sapere che c’è qualcuno che sostiene con capacità e disponibilità umana le persone in fase avanzata di malattia”.

Per la dottoressa Corno la parola d’ordine della FARO è serenità, ed è proprio la voglia di garantire questa serenità ai propri pazienti, in primis, ma anche ovviamente a tutti coloro che ne hanno bisogno, che l’ha spinta in questi anni ad organizzare un gran numero di riuscitissimi eventi per sostenere la FARO.

Credo nella FARO perché ho visto come lavorano i vostri operatori e ci ho trovato non solo professionalità, ma anche una grande passione. Chi lavora per la FARO lo fa per una scelta e questo ha tutta la mia ammirazione: anche io ho fatto il medico di famiglia per scelta e ammiro chi porta avanti le proprie scelte con passione nonostante le difficoltà di una professione”.

Uno degli aspetti che sta più a cuore alla dottoressa Corno dell’organizzare eventi solidali per la FARO è quello di offrire anche un’occasione di incontro con i propri pazienti fuori dallo studio e di crescita culturale per la comunità del paese. “Mi piace il fatto di creare una connessione tra la rete di artisti miei amici e la comunità dei miei pazienti, creando occasioni speciali per stare insieme e fare del bene”.

Mariapaola ci ha salutati con l’augurio che la FARO possa continuare a crescere in futuro:

“Non possiamo sapere cosa ci capiterà nella vita, è bello sapere però che ci sarà qualcuno come la FARO che si prende cura degli altri, anche in termini di presenza e supporto agli ammalati e alle loro famiglie. Per me essere una sostenitrice è importante perché non possiamo sperare che tutto arrivi dallo Stato, ma è giusto che chi ha di più contribuisca a rendere il mondo un posto migliore per tutti”.

Dalla FARO non possiamo che essere infinitamente grati alla cara amica Mariapaola per tutto quello che sta facendo per noi, abbiamo voluto ringraziarla con un piccolo pensiero: la stessa targhetta con cui ringraziamo i nostri volontari, per ribadire ancora una volta la nostra gratitudine e vicinanza a lei.

Quindi non possiamo che ripetere il ringraziamento di Gianni Cauda (Presidente dell’Associazione Amici della FARO) e dirle ancora una volta “Semplicemente Grazie”.