NEWS:
NEWS
15 settembre 2017

Il lascito solidale, il dono del dopo di noi

Il 13 settembre si è celebrata la Giornata Internazionale del Lascito Solidale. Ma che cos’è un lascito solidale?

Il lascito solidale è una disposizione testamentaria con la quale si decide di destinare una parte del proprio patrimonio ad un ente no profit, per il sostegno della buona causa da questo portato avanti. È una donazione non onerosa, ma programmata perché non comporta un depauperamento immediato del nostro patrimonio.

Inserire una clausola solidale nel tuo testamento permette di sostenere una buona causa, investendo nel futuro che sogni per il mondo dopo di te.

Le disposizioni solidali non possono ledere i diritti dei nostri famigliari. In particolare, la legge individua alcune categorie di parenti che non possono essere in alcun modo estromessi: in primo luogo il coniuge, poi i figli (se presenti, mentre se non vi fossero figli, gli ascendenti).

Questo significa che non è possibile in alcun modo, per il testatore, estromettere questi parenti dalla propria successione. Nel caso di disposizioni testamentarie che andassero a ledere la quota riservata (cosiddetta quota di legittima), queste ultime vengono ridotte automaticamente in sede di apertura e divisione dell’eredità. E inoltre ogni disposizione che voglia “diseredare” quelle categorie di eredi protetti è da considerarsi nulla ed inefficace. In sostanza, questo comporta che qualunque disposizione testamentaria in favore di un ente no profit non potrà mai ledere i diritti di quei parenti che la legge individua come eredi necessari.

Per quanto riguarda l’inserimento di una clausola solidale nel proprio testamento, da un'indagine GFK Eurisko del 2016 è emerso che il 14% degli italiani è pronto a inserire un lascito solidale nelle disposizioni testamentarie, il 3% ha già dato indicazioni, l'11% ha intenzione di farlo. In base a una stima dell'Osservatorio Fondazione Cariplo, entro il 2030 la propensione degli italiani verso il lascito solidale continuerà a crescere: circa 420mila famiglie useranno il testamento solidale per lasciare una traccia dietro di sé, oltre la propria vita, dando un sostegno a chi è in difficoltà.